Lo ha deciso il magistrato di sorveglianza che ha accolto il ricorso del difensore del detenuto condannato per omicidi e reati di mafia

BARI. Dopo il lettore cd per ascoltare musica in cella, al boss barese Domenico Strisciuglio, soprannominato «Mimmo la Luna», 48enne capo dell'omonimo clan mafioso del quartiere Libertà di Bari, detenuto dal 1999 al regime del 41 bis dove sconta condanne per reati di mafia e omicidi, sarà concesso fare una volta al mese videochiamate con i familiari.

Il magistrato di sorveglianza di Sassari, dove il boss è detenuto, ha accolto il reclamo proposto tramite il difensore, l'avvocato Massimo Roberto Chiusolo, ritenendo che «i colloqui visivi con i familiari costituiscono espressione di un diritto di primaria importanza: quello al mantenimento dei rapporti affettivi» e quindi, in questo momento di pandemia, «l'evoluzione tecnologica può fare ingresso nell'ordinamento penitenziario», sostituendo, in caso di impossibilità alla visita, ai colloqui telefonici le videochiamate. (Ansa).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.