Al via campagna vaccinazione da questa settimana

(ANSA) - TOKYO, 14 FEB - Il governo giapponese ha approvato il vaccino anti Covid della casa farmaceutica Pfizer, il primo ad essere autorizzato nel Paese, consentendo di dare il via libera alla campagna di immunizzazione a partire dalla prossima settimana.

La società' statunitense aveva presentato domanda in dicembre e successivamente aveva raggiunto un accordo per la fornitura di 72 milioni di dosi entro fine anno. La AstraZeneca ha invece presentato richiesta alle autorità sanitarie lo scorso 5 febbraio, mentre l'altra società Usa - Moderna - sta ancora eseguendo i test clinici in Giappone.

Giovedì sono state consegnate le prime 400mila dosi del vaccino Pfizer, prodotte nello stabilimento in Belgio, ed i primi vaccini riguarderanno il personale medico, tra dottori e infermiere. I residenti over 65 anni, pari a 36 milioni di persone, seguiranno a partire da aprile.

Secondo gli esperti, per raggiungere la cosiddetta 'immunità di gregge' almeno l'80% della popolazione dovrà essere immunizzata. In un sondaggio condotto dall'agenzia di stampa Kyodo a inizio febbraio appena il 63% dei giapponesi si era detto favorevole al vaccino, mentre il 27,4% era contrario. Ad oggi il Giappone registra 415.945 contagi, inclusi 6.970 decessi. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.