Oltre 40 mila australiani restano bloccati all'estero

(ANSA) - SYDNEY, 03 MAR - Il governo australiano ha esteso la chiusura dei confini internazionali fino ad almeno il 17 giugno, citando l'emergenza all'estero di nuove varianti più contagiose del Covid-9, e lasciando così bloccati all'estero almeno 40 mila australiani, impossibilitati a rimpatriare. L'estensione, annunciata dal ministro della Salute Greg Hunt, porta a 15 mesi il periodo in cui i confini dell'Australia sono rimasti chiusi al resto del mondo, ed è impedito ai suoi cittadini di lasciare il paese salvo che ottengano un'esenzione.

Il 'periodo di emergenza di biosicurezza umana', imposto il 17 marzo 2020, viene esteso "per assicurare che il governo australiano abbia i poteri per prendere ogni necessaria misura, per continuare a prevenire e controllare il Covid-19", ha detto il ministro. L'estensione è basata su consiglio medico ed epidemiologico, fornito dal Comitato australiano di protezione della salute e dall'Ufficiale medico capo federale - ha aggiunto. La misura di estensione stabilisce che il sistema di quarantena in hotel proseguirà fino ad almeno metà dell'anno, con la possibilità di estensione per il resto del 2021 - ha precisato Hunt. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.