Contestati post su Facebook. D'Ambrosio,commenti non diffamatori

(ANSA) - VO', 23 MAR - E' stato archiviato il procedimento disciplinare avviato dall'Ufficio scolastico del Venero nei confronti di Alfonso D'Ambrosio, dirigente scolastico di Vo', la località padovana che ha registrato il primo morto di Covid e che aveva ospitato il presidente della Repubblica nell'istituto dei Colli Euganei per l'apertura dell'anno scolastico.

Al dirigente erano contestati sedici post su Facebook. Il dirigente aveva criticato il procedimento nei suoi confronti scrivendo all'ex ministro Azzolina che riteneva l'accaduto "un attacco vile alla sua libertà d'espressione".

"Il provvedimento di conclusione del procedimento poggia le proprie basi sull'assunto che i commenti posti in essere sui social da parte del sottoscritto non fossero in alcun modo diffamatori - afferma all'ANSA - e comunque non avessero l'intento di offendere bensì quello di fornire un contributo costruttivo al dialogo sul tema della scuola, in un momento così complesso per il Paese".

D'Ambrosio sottolinea di essere stato certo "della sua estraneità agli addebiti mossi e sereno in merito al fatto che il procedimento ha fatto completa chiarezza sul suo agire, sempre e per sempre da uomo di scuola". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.