Il documento pubblicato per errore sul sito istituzionale viene cancellato dopo pochi minuti. Il sindaco Lai si difende su Facebook: «Non è compito mio pubblicare documenti e ordinanze nell'albo pretorio o nel sito del Comune»

LA MADDALENA. L'elenco dei cittadini positivi alla variante inglese del Covid finisce per errore sul sito del Comune. Il documento con cui il Servizio Igiene pubbica comunicava via mail al sindaco Fabio Lai i nomi dei contagiati, viene cancellato quasi subito.

Ma basta una manciata di minuti perché l'allegato all'ordinanza sulla zona rossa venga scaricato e diventi virale, passando di chat in chat. Il cortocircuito nelle stanze del municipio ha un effetto deflagrante.

Le nove persone su cui era stato effettuato il pre screening per sospetta variante inglese, diventa di dominio pubblico. Stracciata la protezione garantita dalla legge sulla privacy su nomi e cognomi in quando dati sensibili.

Un episodio che contribuisce a esacerbare ancora di più gli animi in una comunità preoccupata per la diffusione della variante inglese e per le restrizioni della zona rossa. Qualcuno si è già rivolto a un legale e sta valutando di sporgere denuncia.

Il sindaco Fabio Lai, con un post su Facebook, spiega di non avere alcuna responsabilità. «In un momento così complesso e delicato mi trovo costretto a perdere tempo per cercare di arginare false informazioni che stanno circolando su whatsapp. Non è compito del sindaco pubblicare documenti e/o ordinanze nell'albo pretorio o nel sito del Comune». 

Serena Lullia

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.