Marche, più contagi per varianti diffuse anche tra i giovani

(ANSA) - ANCONA, 06 MAR - "Questa settimana, per la prima volta dallo scorso 15 novembre, l'indice Rt della nostra regione ha superato l'1 ed è stato confermato a 1,08". Lo ha ricordato in un post su Facebook il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli. "La curva pandemica mostra una ripresa - spiega - e i numeri denotano un aumento dei contagi su tutto il territorio regionale, così come sta avvenendo in tutta Italia, anche a causa della presenza delle nuove varianti che mostrano una maggiore diffusività anche tra le fasce più giovani". Per il 16 marzo è stata fissata anche una seduta del Consiglio regionale dedicata alla situazione pandemica da Covid-19 nelle Marche.

Ricordando la conferma delle Marche in zona arancione anche per la prossima settimana, da parte del ministro Speranza, Acquaroli ricorda che quindi "fino a domenica 14 marzo varranno totalmente" le misure adottate con la sua ultima ordinanza che prevede "le province di Ancona e Macerata in zona rossa, e anche la Dad al 100% delle scuole di ogni ordine e grado e degli atenei, mentre quelle di Pesaro e Urbino, Fermo e Ascoli Piceno restano in zona arancione, con la Dad al 100% delle scuole medie, superiori e delle università, adottata con provvedimento regionale". "Ricordo a tutti che con il nuovo Dpcm (in vigore da oggi, ndr) - conclude - cambiano alcune regole per la zona arancione e la zona rossa. A questo link potrete trovare l'ordinanza e le principali disposizioni del nuovo Dpcm".

(ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.