Cgia, -61,3 mln perdita in Veneto tra marzo 2020 e febbraio 2021

(ANSA) - VENEZIA, 13 APR - Con i taxi fermi, a causa del Covid, a Venezia tra marzo 2020 e febbraio 2021 il fatturato per quelli acquei è sceso del 98% e dell'86% per quelli su gomma. Il dato, raccolto a livello regionale per conto di Radio Taxi Veneto Società Cooperativa, è della Cgia che ha calcolato 37 milioni in meno per i taxi acquei. Tuttavia, poiché la crisi è ancora in corso, se si include anche marzo 2021, si arriva a una perdita degli incassi di 40 mln. Sempre nello stesso periodo, quelli su gomma hanno visto ridursi gli incassi di 6,9 mln, ma se si considera anche lo scorso marzo, i mancati ricavi sono pari a 7,6 mln. Il comparto taxi nel Comune di Venezia è formato da 370 titolari di licenza. Tra questi, 250 sono taxi acquei, altri 108 sono taxi su gomma e operano nella terraferma veneziana e altri 12 taxi su gomma stazionano al Lido. Un settore che vive quasi esclusivamente di turismo che, a seguito del crollo delle presenze, ha visto dissolversi il servizio. Lo studio, infatti, ha messo in evidenza che nel 2020 il traffico aereo di passeggeri negli aeroporti di Venezia-Treviso è sceso del 78% (-11,5 mln di passeggeri); le presenze della crocieristica si sono praticamente azzerate: gli ultimi dati disponibili testimoniano un calo a Venezia del 99,6% dei passeggeri. Se nel 2019 erano arrivati 1,6 mln di visitatori, nel 2020 sono crollati a 5.653. Inoltre si sono praticamente azzerato i meeting aziendali in presenza, i convegni e i congressi. Su 61,3 mln di euro di perdita complessiva di fatturato registrato sino a marzo 2021 da tutto il comparto taxi presente nel Veneto (costituito da 734 licenze), 47,5 mln (77,5% del totale) è in capo ai titolari di licenza del Comune di Venezia (370 licenze). (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.