Fiva Confcommercio Lombardia, agitazione settore non alimentare

(ANSA) - MILANO, 07 APR - Venerdì prossimo gli ambulanti di Milano saranno al mercato, anche quelli non alimentari, che non possono aprire finché la Lombardia è in zona rossa, per protesta. Monteranno i banchi nei loro stalli e staranno lì, pur senza vendere, a far sentire la loro presenza al mercato di largo V alpini e Crema/Piacenza.

Si tratta solo di una delle iniziative di Fiva Confcommercio Lombardia che ha proclamato da oggi lo stato d'agitazione dell'intera categoria.

"Dobbiamo lavorare - ha spiegato Giacomo Errico, presidente Apeca, l'associazione ambulanti di Milano (Confcommercio) - vogliamo lavorare e abbiamo già dimostrato di poterlo comunque fare in piena sicurezza. Riaprire pienamente i mercati e le fiere si può e si deve di non possiamo sperare solo che si passi dalla zona rossa a quella arancione.". Il 9 i rappresentanti di Apeca incontreranno anche il prefetto.

"Attendere ancora tutto aprile per la ripartenza non è possibile - ha spiegato - C'è grande esasperazione e molti operatori non ce la fanno più dopo un anno di fatturati precipitati: di almeno il 40% nei casi migliori fino ad oltre il 90% per chi non lavora ormai da troppo tempo. Con ristori irrisori e famiglie da mantenere". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.