Priorità ad oltre 65.enni, malati cronici, staff medico e agenti

(ANSA) - GAZA, 19 MAR - Si sono subito create code in cinque ambulatori del ministero della sanità a Gaza dopo l'arrivo nei giorni scorsi di circa 20 mila dosi di vaccino Sputink, che la Autorità nazionale palestinese ha ricevuto dall'Organizzazione mondiale della sanità. Nell'ambulatorio di Beit Lahya (a nord di Gaza) si erano inscritti in 120, ma ieri si sono presentati in 200 e tutti sono stati vaccinati. "L'interesse per la vaccinazione cresce di giorno in giorno'' ha confermato il responsabile dell'ambulatorio. Al momento vengono vaccinati quanti hanno oltre 65 anni, quanti soffrono di malattie croniche e chi come agenti di sicurezza, staff medico, insegnanti e giornalisti sono in stretto contatto col pubblico.

Separatamente anche la Mezzaluna Rossa sta procedendo in ambulatori propri alle vaccinazioni grazie ad altre 60 mila dosi di Sputnik offerte a Gaza dal Qatar su iniziativa di un ex dirigente di al-Fatah, Mohammad Dahlan, che risiede all'estero.

Questi aveva suggerito che una parte di quella spedizione fosse inoltrata in Cisgiordania: ma secondo fonti stampa il presidente Abu Mazen - che nutre forte animosità nei suoi confronti - avrebbe respinto la offerta. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.