Assemini – Le regole cambiano  per i defunti e per loro, e i parenti ancora in vita, non c’è più pace. Ai microfoni di Radio Casteddu interviene Roberta Foddis, 50 anni di Assemini, che per il rinnovo del loculo deve pagare 5 volte tanto. “Mio padre è deceduto 10 anni fa e quest’anno io avrei dovuto fare il rinnovo. 3 anni fa mi ero già preoccupata di chiedere per capire quanto avrei dovuto pagare e mi era stato detto che per 25 anni la somma era di 400 euro.  Quest’anno mi sono recata per il rinnovo ma la cifra non era più di 400 euro, bensì di 1500. A me è sceso un colpo sinceramente, anche perché abbiamo mia mamma in una struttura, quindi io e le mie sorelle paghiamo la retta: due soldini che ci sono,  vorremmo che rimanessero lì tranquilli, per altre occasioni.  Io sono disoccupata, tra l’altro”.Le nuove norme erano state riportate da Casteddu Online qualche giorno fahttps://www.castedduonline.it/assemini-il-comune-vuole-sfrattare-decine-di-tombe-dal-cimitero-cittadini-in-rivolta/“Non la trovo una cosa giusta che dobbiamo pagare tutti questi soldi e se non si paga penso che mio padre verrà riesumato è messo nell’ossario ed è una cosa che io non tollererei.  Da sola non posso fare niente, se ci fossero altre persone con lo stesso problema si potrebbe fare qualcosa”.Risentite qui l’intervista a Roberta Foddis di Paolo Rapeanu e Gigi Garau https://www.facebook.com/castedduonline/videos/1324082457956379/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.