Vederli anche dalle finestre del suo ufficio scandire slogan e insulti contro il Cagliari “nemico” non gli è piaciuto per nulla. Paolo Truzzu è “fortemente infastidito” per il corteo dei duecento ultras napoletani da piazza Matteotti alla Unipol Domus, andato in scena nel pomeriggio. La stizza e l’ira del primo cittadino trapela, senza troppa fatica, dallo stesso palazzo comunale: Truzzu, primo cittadino e un passato, in gioventù, da ultras rossoblù, è rimasto sbigottito davanti al gruppo di tifosi napoletani che, scortati dalle Forze dell’ordine, hanno raggiunto lo stadio a piedi, creando timori e paure tra i cittadini a passeggio e gli automobilisti. Sui social divampano le polemiche, soprattutto quelle da parte dei tifosi cagliaritani, con l’opposizione di centrosinistra che dice a chiare lettere che, dopo insulti e scontri, ai napoletani è stata data la possibilità di “attraversare la città e arrivare in via Roma: tutto davanti al Comune, Truzzu tace e la sicurezza non c’è”.Lui, Truzzu, non è però rimasto in silenzio: ci sono state tante telefonate con il prefetto e il questore. Al sindaco sarebbe stato detto che non si è creato nessun disordine. E lui avrebbe replicato incrociando le dita e dicendo: “Spero non succeda nulla”. Ed è saltata fuori anche la questione dei pullmna, non utilizzati per trasportare i tifosi dall’aeroporto sino allo stadio. Una mancanza che ha lasciato ai campani, tra le altre cose, anche la libertà di poter urlare una caterva di insulti ai cagliaritani in pieno centro, sotto gli occhi di tanti sardi infastiditi e furiosi.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.