Con decreto del 16 aprile 2021, depositato ieri 30 aprile, la Corte d’Appello di Cagliari ha stabilito che due mamme possono riconoscere alla nascita i bambini e le bambine nate in Italia a seguito di fecondazione assistita compiuta all’estero.

Si tratta del primo provvedimento in materia che una Corte italiana emette, con una lunga e articolata motivazione, a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 32 del 9 marzo 2021 sulle “due mamme”.

Il caso, seguito in primo grado da soci e socie di Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford, era stato già definito favorevolmente dal Tribunale di Cagliari: il 28 aprile 2020 i Giudici avevano dichiaratamente deciso di non seguire l’indirizzo contrario della Corte di cassazione, pronunciatasi su questioni identiche con la sentenza 7668 del 3 aprile 2020 e con la successiva sentenza 8029 del 22 aprile 2020.

Con la decisione depositata ieri, la Corte d’Appello ha confermato la bontà del percorso logico-giuridico seguito dal Tribunale, allineandosi a quanto affermato da Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford a seguito della sentenza n. 32 del 2021 della Corte costituzionale: la sentenza n. 32 non impedisce ai Giudici di continuare a tutelare, già alla nascita, i bambini e le bambine di due mamme, senza far ricorso all’adozione (c.d. “stepchild adoption”). Ciò, in conformità a quanto avevano già deciso altri Tribunali e altre Corti, in casi seguiti da Rete Lenford anche dopo le sentenze della Corte di cassazione e prima della pronuncia n. 32 della Corte costituzionale.

L’avv. Daniela Latti, presidente del Comitato per le pari opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari, ha difeso nella fase dell’appello la madre intenzionale, a seguito della crisi della coppia e alla volontà della madre partoriente di aderire al reclamo proposto dal Ministero dell’Interno contro il decreto del Tribunale di Cagliari. L’avv. Latti così dichiara: “Sono molto soddisfatta dell’esito di questo giudizio: in caso di decisione diversa da parte della Corte, la mia assistita rischiava di non avere più la responsabilità genitoriale di suo figlio. Ringrazio Avvocatura per i Diritti LGBTI – Rete Lenford per la difesa a suo tempo impostata e risultata vittoriosa in primo grado e perché, grazie ai numerosi webinar formativi organizzati da questa associazione anche nella rete dei Comitati per le pari opportunità, ho acquisito le competenze necessarie per poter affrontare questo giudizio, che si presentava particolarmente irto d’insidie”.

Il Presidente di Avvocatura per i Diritti LGBTI – Rete Lenford, avv. Vincenzo Miri, dichiara: “Si tratta di una decisione molto importante, pronunciata con una motivazione di rara efficacia e completezza. Dopo la sentenza della Corte costituzionale i Giudici hanno riconosciuto che i diritti dei bambini e delle bambine arcobaleno non possono restare senza tutela, aspettando un Parlamento inerte. Come illustriamo in tante occasioni formative e processuali, l’ordinamento già ammette il riconoscimento alla nascita, ma è tempo che il legislatore intervenga, perché i diritti fondamentali non possono tollerare vuoti di tutela così gravi ed essere rimessi a lunghi percorsi giudiziari. Il monito della Corte costituzionale è stato chiaro: non mancheremo di fare la nostra parte”.

L'articolo Corte di Appello di Cagliari, storico sì al riconoscimento alla nascita di due mamme proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.