Revocati gli arresti domiciliari per l'esponente del gruppo Misto Valerio De Giorgi, sospeso dal Consiglio regionale della Sardegna dopo l'ordine di custodia cautelare firmato dal gip del Tribunale di Cagliari, Giorgio Altieri, al termine di un'inchiesta per corruzione, tentata truffa e voto di scambio. Accolta così la richiesta dei difensori Patrizio Rovelli e Debora Amarugi. Resta per De Giorgi l'obbligo di presentarsi ogni giorno ai carabinieri, ma potrà tornare tra i banchi dell'Assemblea di via Roma perché, tolti gli arresti, viene meno la sospensione prevista dalla legge Severino.

Il giudice Altieri ha ritenuto che gli elementi dell'indagine siano ormai cristallizzati dalla richiesta di giudizio immediato e ha ritenuto che l'indagato, che è anche sottufficiale della Guardia di finanza, sia consapevole dei rischi di una eventuale condotta antigiuridica. Nella sua ordinanza il gip fa anche riferimento all'interrogato dei gironi scorsi: il consigliere regionale aveva parlato con lui per oltre due ore e chiarito che tutto quello che aveva fatto in merito all'emendamento al Piano casa (all'epoca De Giorgi era presidente della commissione Bilancio) rientrava nella norma di insindacabilità dell'attività politica del consigliere regionale.

Assieme al politico, nell'inchiesta sono finiti anche il suo collaboratore Marco Pili, accusato di tentata truffa, e il costruttore di Quartucciu Corrado Deiana. Per De Giorgio e l'imprenditore l'accusa è di corruzione per aver concordato un emendamento al Piano casa in cambio di quattro appartamenti ottenuti dal consigliere, mentre Pili è indagato per presunte irregolarità sui contributi destinati alla Pro loco di Cagliari fondata da persone vicinissime a De Giorgi, se non dagli stessi familiari. All'esponente del gruppo Misto è contestato anche il reato di voto di scambio: secondo la Procura, avrebbe promesso posti di lavoro e altri favori in cambio di una preferenza, chiedendo come prova la foto scattata nella cabina elettorale.

IN AULA GIAì DOMANI? - Valerio De Giorgi potrebbe rientrare tra i banchi del gruppo Misto nell'Assemblea sarda già nella seduta in programma domani alle 10.30 con all'ordine del giorno tre mozioni contro il rilascio di concessioni per parchi eolici offshore nei mari della Sardegna. Automaticamente decade da consigliere il primo dei non eletti nella lista di Fortza Paris (circoscrizione di Cagliari), Pierpaolo Congiu, che aveva sostituito De Giorgi giurando il 19 maggio scorso. Nella geografia dei gruppi consiliari non cambierà nulla. Congiu era rimasto infatti al Gruppo Misto, lo stesso dove ritornerà a occupare un banco De Giorgi.
   
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.