Il presidente della Regione Christian Solinas “vuole chiedere i danni per la campagna anti-Sardegna”. Il riferimento è legato agli articoli, usciti negli ultimi giorni, legati alla situazione del Covid-19 nell’Isola, su alcuni quotidiani nazionali. A dirlo, al termine di una riunione di maggioranza che si è svolta a Villa Devoto, è la vicepresidente e assessore regionale del Lavoro, Alessandra Zedda. Contattata da Casteddu Online, l’esponente forzista conferma: “Solinas, durante l’incontro, ci ha rappresentato la volontà di adire a vie legali per un danno che è inestimabile. Dobbiamo dire la verità, sono state raccontate troppe falsità sullo stato dei contagi e le difficoltà della Sardegna”; dice la Zedda. “Viviamo, sostanzialmente, una situazione di assoluta tranquillità”. I legali di Solinas, quindi, sarebbero già al lavoro o presto potrebbero iniziare tutte le verifiche del caso.

 

“Le nostre strutture sanitarie sono in grado di intervenire in modo tempestivo”, aggiunge la Zedda. E la conferma della volontà del numero uno della Regione arriva anche Antonella Zedda, segretaria regionale di Fratelli d’Italia, che parla di “allarmismo infondato sul fronte del Coronavirus”.

 

 

 

 

 

L'articolo Coronavirus, “troppe falsità: Solinas vuole chiedere i danni per la campagna anti-Sardegna” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.