Il segretario territoriale: c'è stato un abbassamento della soglia di attenzione

OLBIA. Una task force con avvocati dell'ufficio vertenze, consulenti del lavoro ed esperti del patronato Cisl in campo per tutelare quei dipendenti dei locali Vip della Costa Smeralda e dei resort della Gallura che sono stati contagiati a cavallo di ferragosto. L'ha messa in piedi la Cisl del territorio che mantiene lo stretto riserbo su quei lavoratori, in massima stagionali, che si sono rivolti a loro.

«Per ora c'è stato un primo contatto con la richiesta di informazioni - dice all'Ansa Mirko Idili, segretario territoriale Cisl - abbiamo quindi predisposto una task force per indicare quelli strumenti normativi utili in questo caso a partire dall'attivazione della procedura sul riconoscimento dell'infortunio sul lavoro. È certamente una situazione che ci sta preoccupando - aggiunge - anche perché questi operatori del settore turistico-ricettivo rappresentano la parte più debole del comparto che non solo rischiano il contagio, ma anche di perdere il posto per la chiusura anticipata della stagione, che viene paventata in queste ore».

Secondo Idili c'è stato un «abbassamento della soglia di attenzione e sono mancate le più elementari regole di buonsenso da parte dei clienti che hanno scelto di non indossare le mascherine nei locali, ma anche la diligenza di chi avrebbe dovuto imporre le misure anticovid previste dalla normativa. Siamo di fronte ad un dramma che oltre la pandemia avrà pesanti ricadute sociali». (Ansa).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.