Sono 23.059 i nuovi casi di Covid registrati nelle ultime 24 ore in Italia, a fronte dei 20.396 di ieri; stabile il numero dei tamponi (369.084 oggi, 369.375 ieri) con un tasso di positività che risale al 6,2% dal 5,5% di ieri. Le vittime sono 431 (ieri 502), per un totale di 103.432. Secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute, continua a crescere anche la pressione sulle strutture ospedaliere: sono 3.317 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 61 più di ieri nel saldo tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 324 (ieri erano 319), mai così tanti da quanto viene comunicato il dato. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 26.517 persone, con un incremento nelle ultime 24 ore di 419. I guariti sono 19.716 (ieri 14.116), per un totale di 2.639.370. In aumento il numero degli attualmente positivi, 2.893 in più (ieri +5.758), 539.008 in tutto. Di questi, sono in isolamento domiciliare 509.174 pazienti, 2.413 in più rispetto a ieri. Riguardo le Regioni, è la Lombardia a registrare più contagi (4.490), seguita da Campania (2.665) e Piemonte (2.374).

Continua a leggere su Q.net

L'articolo Coronavirus, oltre 23mila casi in Italia e salgono gli ingressi in terapia intensiva proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.