Coronavirus, la Sardegna verso la zona arancione?
La Fondazione Gimbe ha registrato un miglioramento di alcuni indicatori

Dopo tre settimane in zona rossa, la Sardegna vede avvicinarsi il cambio di colore: da lunedì 3 maggio, infatti, se non ci saranno sorprese, l’Isola passerà in zona arancione e le misure di prevenzione saranno meno rigide. L’ufficialità si avrà solo domani, con la diffusione della bozza del monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità, e poi con l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza.

Oltre ai confortanti dati giornalieri sui contagi – seppure altalenanti – a dare un a prospettiva in questo senso è anche la Fondazione Gimbe, che nella settimana 21-27 aprile evidenzia un miglioramento dell’indicatore relativo ai “Casi attualmente positivi per 100.000 abitanti”: 1.089 contagi, con un calo del 21,8% rispetto alla rilevazione precedente (1.116 casi).

Sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica (23%) e terapia intensiva (21%) occupati da pazienti Covid-19 (ANSA).

Giovedì, 29 aprile 2021

L'articolo Coronavirus, la Sardegna verso la zona arancione? sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.