Coronavirus, in Italia situazione drammatica: tutte le regioni in rosso e arancione, Sardegna zona bianca. Stop alle zone gialle, se la Sardegna perderà la zona bianca da qui ad aprile andrà direttamente in zona arancione. Clamorosa stretta e Draghi annuncia: ne usciremo soltanto con i vaccini, ognuno aspetti il suo turno. Ma nel frattempo c’è la bufera Astrazeneca, con i Nas che intervengono sequestrando i lotti sospetti anche nella nostra Isola. L’aria che si respira oggi in campo nazionale è pesantissima. Dal 15 marzo al 2 aprile (e nella giornata del 6 aprile) le regioni gialle passano in arancione. Lockdown automatico con oltre 250 casi ogni 100mila abitanti.

“Dal 15 marzo al 2 aprile (e nella giornata del 6 aprile) le regioni gialle vengono portate in arancione. Per quanto riguarda le visite a parenti e amici, fino al 2 aprile (e nella giornata del 6 aprile) nelle regioni che diventeranno arancioni sarà consenito, in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata, una sola volta al giorno, ” in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi. Lo spostamento non è consentito nei territori nei quali si applicano le misure stabilite per la zona rossa con gli stessi limiti già previsti dalle attuali norme”. Quindi da lunedì 15 marzo tutte le regioni (ad eccezione della Sardegjna bianca) saranno comunque o in zona rossa o in zona arancione”, conferma nei dettagli il nostro giornale partner Quotidiano.net.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.