Il racconto di una coppia, con bimbo ci hanno fatto saltare fila

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Una coda di persone all'interno dello scalo che si trasformava in serpentone fuori dalle porte scorrevoli: è la scena a cui si poteva assistere all'aeroporto milanese di Malpensa, dove i viaggiatori in arrivo dai Paesi a rischio coronavirus da ieri devono mettersi in fila per sottoporsi al tampone. "Quando siamo usciti dall'area arrivi, ci siamo trovati di fronte alcune centinaia di persone in coda, almeno cinquecento: gli addetti della Protezione civile ci hanno detto che sarebbero state necessarie circa due ore e mezza - racconta Andrea O., di Crema, proveniente assieme alla moglie e al figlio di due anni e mezzo da Minorca -. Stavamo per andare direttamente a casa, pronti a fare il tampone privatamente, ma ci hanno detto che avendo un bambino ci avrebbero fatto saltare la fila. Così è stato, in cinque minuti abbiamo fatto il tampone nel gazebo, dove c'erano circa 25 addetti al test, con le tute bianche e le visiere. E' stato facile per noi, ma molti altri boccheggiavano al caldo. Per non dire di una coppia di piemontesi, furiosi perché il tampone loro non potevano farlo a Malpensa". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.