Roma

Per gli studenti vaccinati niente più “dad”

“La scuola è il cuore del nostro paese e vogliamo lavorare per ridurre il più possibile la didattica a distanza”. Lo ha dichiarato  il ministro della Salute, Roberto Speranza, al termine del Consiglio dei ministri che ha deciso nuovi provvedimenti per la gestione della pandemia da coronavirus.

In particolare, per quel che riguarda le regole sulla scuola, il ministro ha detto che “i vaccinati non andranno più in dad e nei pochi casi di dad questa non durerà più 10 giorni ma 5”.

Il ministro ha anche spiegato che le nuove regole sulla dad riguardano tutta la scuola: nelle scuole dell’infanzia si va in dad con 5 casi positivi, nella scuola primaria si va in dad con 5 casi ma solo i non vaccinati. Infine, anche nella scuola secondaria dopo 2 casi di positivi andranno in dad solo i non vaccinati.

Tamponi. “Per la scuola si prevede anche il tampone fai da te”, ha spiegato ancora il ministro Speranza. “Il meccanismo di autosorveglianza può prevedere anche questo strumento. In questa nuova fase della pandemia anche i tamponi di autotesting sono uno strumento che può essere utile”.

-segue-

Mercoledì, 2 febbraio 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video,  puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 03 92, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.