Conferenza in Regione per le ultime valutazioni, le aperture potrebbero slittare. Dall’Ogliastra arriva la richiesta di ritorno in classe al termine dello screening

SASSARI. Mancano appena 48 ore al ritorno sui banchi ma le certezze sono poche. Anche in Sardegna, nonostante il calendario governativo e “ufficioso” del rientro a scuola indichi ancora il 7 gennaio come il d-day dell’istruzione, è più probabile che per gli studenti delle superiori slitti tutto al 18. Oggi, però, è in programma una conferenza alla quale parteciperanno il governatore Christian Solinas e gli assessori alla Pubblica istruzione, Andrea Biancareddu, alla Sanità, Mario Nieddu, e ai Trasporti, Giorgio Todde. L’obiettivo è fare il punto sui dati epidemiologici e sul servizio dei trasporti scolastici. Sembra certo che dalla riunione si uscirà con un’ipotesi di rinvio della riapertura a lunedì 18. Nel frattempo la Regione avvierà consultazioni con i dirigenti scolastici per capire se ci sia disponibilità ai doppi turni, mentre le lezioni saranno in regime di didattica a distanza. C’è poi il “caso Ogliastra”, con la prima richiesta ufficiale di rinvio.

 

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.