Pd, M5S e Progetto Olbia duri verso il sindaco: "Basta con la politica solitaria e confusa. Nizzi pensi a fare la sua parte"

OLBIA. Uniti per una opposizione propositiva, anche se l'amministrazione gli ha chiuso la porta in faccia. Anche se la commissione speciale sul Covid da loro richiesta non è stata ancora convocata e il Consiglio sull'emergenza è in lista d' attesa. I gruppi di minoranza: Partito democratico, Movimento 5 Stelle e Progetto Olbia rilanciano la volontà di collaborare con il sindaco per il bene della città.

Non per questo risparmiano fendenti al primo cittadino «che si scaglia contro il presidente Conte per distogliere l'attenzione dalle responsabilità sue e della Regione», dice la dem Ivana Russu. «E porta avanti una politica solitaria nella gestione di questa emergenza senza sentire non solo noi della minoranza, ma nemmeno la sua maggioranza», attacca il capogruppo Pd, Rino Piccinnu. «C'è una bella differenza tra il dire e il fare. Se è vero che in questa città viviamo un momento drammatico, a questa analisi non seguono azioni concrete da parte del sindaco. Basti vedere la posizione che ha assunto nei confronti dei balneari».

Pesante l'accusa sui ritardi nella distribuzione degli aiuti alle famiglie in difficoltà. «Anche il Comune ha la sua parte di competenza in questa emergenza e la sta gestendo con i piedi - attacca Russu -. Basti pensare che ancora oggi non sono stati distribuiti molti dei primi voucher spesa, quelli finanziati dallo Stato per 470mila euro. E le pratiche per gli 800 euro sono bloccate". 

La capogruppo del M5S, Teresa Piccinnu, ricorda al sindaco «che le regioni non possono contravvenire ai protocolli sanitari nazionali e che hanno poteri in senso restrittivo. Non possono quindi aprire attività non previste dal Governo come Nizzi sta chiedendo di fare a Solinas». E chiede «non interventi spot per le aziende in crisi ma un piano serio di detassazione e aiuti».

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.