Secondo un rapporto riservato dell'organizzazione

(ANSA) - SEUL, 10 FEB - La Corea del Nord ha rubato oltre 300 milioni di dollari in criptovalute attraverso cyberattacchi nell'ultimo anno per finanziare i suoi programmi illegali per lo sviluppo di missili balistici e nucleari: è quanto emerge da un rapporto riservato delle Nazioni Unite.

Realizzato da un gruppo di esperti che monitorizza le sanzioni contro Pyongyang, il rapporto - che cita uno Stato membro delle Nazioni Unite - indica che il Paese ha rubato l'equivalente di "circa 316,4 milioni di dollari" in valute virtuali dal 2019 al novembre del 2020.

Istituzioni e mercati finanziari sono stati hackerati per generare introiti per lo sviluppo nucleare e missilistico di Pyongyang, sottolinea il rapporto.

Gran parte del bottino è legato a due attacchi realizzati verso la fine dell'anno scorso: uno nel mese di settembre contro una Borsa per lo scambio di criptovalute che ha fruttato l'equivalente di 281 milioni di dollari e l'altro il mese successivo che ha fruttato 23 milioni di dollari. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.