Il sindaco di Quartu Stefano Delunas pronto a segnalare alle forze dell’ordine le piazze e le vie dove i ragazzi fanno assembramenti. L’annuncio del primo cittadino quartese dopo l’ultimo Dpcm del primo ministro Conte. “Credo che in considerazione dell’aggravarsi della curva epidemiologica sia sempre più necessario fare squadra, quindi condividere le scelte e prendersi ognuno le proprie responsabilità”, dichiara Delunas, “per questo sono d’accordo con quanto dichiarato dal Presidente Nazionale dell’Anci Antonio Decaro, cui ha poi fatto seguito la precisazione da parte del Governo in merito alle decisioni sulle piazze da chiudere perché possibili luoghi di assembramento.Pertanto se sarà necessario, in attuazione di tale nuovo protocollo, per senso del dovere derivante dal mio incarico e quindi dalle mie prerogative di Sindaco, segnalerò piazze e vie sede di assembramento, dove poi lo Stato dovrà assicurare il controllo attraverso le forze dell’ordine, coordinate dal Prefetto e dal Questore. La massima collaborazione penso sia assolutamente necessaria in un momento di crisi sanitaria, e conseguentemente economica e sociale, come quello che stiamo vivendo.Auspico pertanto da parte dei quartesi un atteggiamento consapevole e responsabile, affinché vengano rispettate le nuove prescrizioni e non siano quindi necessarie ulteriori strette. Purtroppo sono finiti i tempi della tolleranza: le forze dell’ordine devono vigilare attentamente affinché ognuno faccia il suo e dia così un contributo alla frenata dei contagi, in attesa di avere a disposizione strumenti sanitari capaci di farci superare definitivamente l’emergenza Covid”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.