Bosa

Coinvolge scuole e famiglie su nuovi programmi: voto favorevole in Consiglio comunale

È stato approvato all’unanimità dal Consiglio comunale di Bosa il patto educativo di comunità. Il programma mira a fornire nuove competenze agli alunni delle scuole cittadine e a contrastare la dispersione scolastica.

Si tratta di uno strumento introdotto dal Ministero dell’Istruzione per dare la possibilità a enti locali, istituzioni pubbliche e private, realtà del terzo settore e scuole di sottoscrivere specifici accordi, rafforzando così non solo l’alleanza scuola-famiglia, ma anche quella tra la scuola e tutta la comunità.

Il patto prevede attività di confronto e programmazione costante con le scuole, docenti e famiglie, per la co-progettazione e la co-gestione di attività tese a sostenere le studentesse e gli studenti più fragili, attraverso interventi di supporto allo studio e all’apprendimento.

“Il Consiglio”, dice l’assessora comunale alla Pubblica istruzione, Paola Pintus, “ha approvato un regolamento che nelle prossime settimane darà vita a un confronto con tutte le scuole cittadine, le associazioni, il terzo settore e le imprese per costituire quella che in gergo si definisce comunità educante“.

Bosa - paola pintus assessore e sindaco di bosa
L'assessora Paola Pintus e il sindaco Piero Franco Casula

“Andare nella direzione del patto di comunità”, ha proseguito l’esponente della Giunta, “significa provare a riportare ordine, facilitando i processi di crescita e di apprendimento, contrastando la dispersione e in particolare la fatica di tenere agganciati i ragazzi e ragazze oltre l’obbligo scolastico, per approdare a un tipo di formazione che consenta di avere più opportunità nella società della conoscenza”.

Saranno attivati percorsi laboratoriali su competenze digitali, cittadinanza e partecipazione, radio, cinema e teatro: temi che sicuramente stimoleranno la partecipazione degli studenti.

Il metodo della co-progettazione partecipata, basato su un rapporto di pari dignità di tutti gli attori pubblici e privati coinvolti, mira a garantire un sistema organizzativo funzionale centrato sul riconoscimento e la valorizzazione delle competenze e delle funzioni dei singoli soggetti.

Martedì, 9 novembre 2021

Se ritieni che questa notizia possa essere integrata con ulteriori informazioni o con foto e video inviaci un messaggio al numero Whatsapp 331 480 0392

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.