Il raggiro scoperto dai militari della Guardia di finanza

CAGLIARI. Le Fiamme Gialle hanno denunciato a piede libero una donna di 74 anni trovata in possesso di un contrassegno per invalidi risultato falso. Una volta rilevato il possesso del contrassegno, ben visibile ed esposto sul parabrezza dell’auto, i Finanzieri hanno proceduto alla verifica della sussistenza dei requisiti previsti per l’ottenimento del beneficio, attraverso il controllo diretto presso gli Enti preposti e riscontrando le informazioni acquisite attraverso la consultazione delle banche dati in uso al Corpo.

L’esito delle attività svolte ha permesso di accertare che la donna aveva tratto in inganno il personale della Azienda Sanitaria Locale territorialmente competente, esibendo una copia del verbale della commissione per l’accertamento dell’handicap, ai sensi della Legge 104/92, artificiosamente alterato, aggravandone tutti giudizi espressi, al fine di ottenere tutti i benefici che ne conseguono: in particolare il rilascio del contrassegno per gli invalidi, che, negli anni, ha permesso all’interessata la sosta negli spazi riservati agli invalidi senza averne alcun diritto.

Sono in corso ulteriori accertamenti al fine di verificare se la donna ha, altresì, usufruito di agevolazioni fiscali per l’acquisto dell’autovettura o di altre specifiche detrazioni in sede di dichiarazione annuale dei redditi ai fini delle imposte dirette. La responsabile è stata segnalata alla locale Procura della Repubblica di Cagliari, per il reato di falso.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.