Conte, le ultime ipotesi sul nuovo Dpcm: coprifuoco nazionale alle 18 o alle 20, nelle aree a rischio ristoranti e bar ko anche a pranzo. Si susseguono le riunioni, tutto dipenderà dal codice Rt: dove è alto, didattica a distanza sin dalla seconda media e ristoranti chiusi anche a pranzo. Il decreto slitta a domani, il coprifuoco sembra riguadagnare posizioni: saracinesche giù dalle 18 o dalle 20 in tutta Italia, e autocertificazioni per i pochi che potranno spostarsi per lavoro o per motivi di salute. Ovviamente col coprifuoco chiuderanno a quell’ora anche tutti i negozi, tranne le farmacie e gli alimentari. Il Cts suggerisce la chiusura alle 18 su tutto il territorio nazionale, mentre il governo preferirebbe una chiusura anche alle 21 nelle zone meno a rischio.

Stop allo spostamento tra regioni, centri commerciali sicuramente chiusi nel weekend, confermato il blocco delle palestre:la nuova stretta diventerà praticamente quasi un lockdown totale nelle aree con un indice Rt alto, al momento le maggiori indiziate sono Lombardia, Calabria e Piemonte. La Sardegna ha un indice Rt a 1,04 secondo gli ultimi dati di venerdì, dunque non è tra quelle più in pericolo. Ma potrebbe subire come tutte il coprifuoco nazionale.  Ci si potrà spostare dalla Sardegna in altre regioni solo per comprovati motivi di lavoro o sanitari, se nel nuovo Dpcm di martedì sarà confermato il blocco. Secondo le ultime indiscrezioni, anche i musei italiani vanno verso la chiusura.

L'articolo Conte, ultime ipotesi sul nuovo Dpcm: coprifuoco nazionale alle 18 o alle 20, nelle aree a rischio ristoranti ko anche a pranzo proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.