Vittima aveva finto di ordinare pizza per chiamare la polizia

(ANSA) - TORINO, 05 AGO - Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha telefonato al poliziotto Vincenzo Tripodi, l'agente che domenica sera era in servizio presso la centrale operativa della questura di Torino e che ha sventato una violenza su una donna capendo che dietro la sua insolita richiesta - 'Buonasera vorrei ordinare una pizza' - c'era in realtà una domanda d'aiuto. Il poliziotto ha immediatamente attivato il protocollo previsto in casi di emergenza e ha così permesso ai colleghi in intervenire in tempo.

Nel corso della telefonata, Conte si è congratulato con l'agente 27enne originario di Reggio Calabria informandosi sul suo lavoro, sulla sua vita personale e chiedendo come avesse capito che dietro la telefonata ci fosse una richiesta d'aiuto.

"Ho ribadito il fatto che la donna stesse parlando con la Polizia e lei ha confermato la richiesta della pizza - ha spietato Tripodi al premier - quindi le ho chiesto se stesse bene, mi ha risposto di no. Da questi elementi ho capito che non era un errore".

Conte a quel punto ha ringraziato l'agente, i colleghi e la questura di Torino. "E' in nostro dovere servire i cittadini - ha concluso Tripodi - qualsiasi collega avrebbe fatto lo stesso". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.