Ci sono i dati, ufficiali, legati all’ultimo monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità. Incidenza dei casi di Covid ogni centomila abitanti inferiore a 50, la Sardegna sogna la zona bianca. Servono almeno tre settimane consecutive, stando alle regole previste, per conquistare la libertà “quasi totale”: vale a dire bar e ristoranti aperti anche la sera e, soprattutto, via libera alla riapertura di piscine e palestre. Attenzione, però: servono almeno altre due settimane con gli stessi dati e con una rilevazione di “rischio basso”. I primi sette giorni la Sardegna li ha già messi in cassaforte. Se non ci saranno aumenti di contagi da Coronavirus e se il Governo non cambierà le regole, il primo marzo prossimo può scattare la zona biancaSi ritornerebbe a quelle libertà ormai finite in soffitta da mesi. E resterebbero, naturalmente e giustamente, solo le regole base: igienizzazione delle mani, obbligo di indossare la mascherina, divieto di creare assembramenti e, in caso di febbre o sintomi legati al Covid, obbligo di restare a casa.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.