“Contagi nelle scuole, nei pranzi familiari e a un funerale: così il virus ha messo Capoterra in lockdown”Capoterra è il quindicesimo centro sardo che entra in zona rossa: da domani e fino al 20 aprile, nuove regole da seguire per i cittadini e per chi si reca in città. A Radio CASTEDDU, il sindaco Francesco Dessì: “I contagi non sono aumentati tantissimo ma, giustamente, l’Ats ci ha consigliato di chiudere in quanto abbiamo 14 focolai: in ambito familiare, tra amici, in una cerimonia funebre e in più nelle scuole si sono notati molti contagi con la variante.La mia raccomandazione è quella di rispettare al massimo le regole in questi 14 giorni: non dobbiamo aggirarle, ma dobbiamo rispettarle perché altrimenti il virus ci colpisce di più, perché circola con le persone. Possiamo fregare le forze dell’ordine, le istituzioni però, poi, siamo noi stessi a pagare le conseguenze”.Risentite qui l’intervista a  Francesco Dessì del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/895899651250023/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.