Monserrato, troppo lunghi i tempi di attesa per la discussione delle interpellanze e delle mozioni, insorge la minoranza. Alberto Corda: “Temi caldi e delicati come le misure di contenimento del rischio di contagio Covid, la gestione del progetto Ritornare a casa o l’inclusione sociale dei percettori di Reis e di Reddito di Cittadinanza tramite i PUC, per citarne solo alcuni, non sono mai stati discussi”.

I consiglieri  Gianfranco  Vacca, Maria Antonietta Vacca, Maria Caterina  Argiolas, Alberto Corda, Andrea Zucca, Valentina Picciau, Miriam Picciau e Maria Francesca Congiu firmano compatti una nota indirizzata alla giunta Locci nella quale sottolineano che “a causa del prolungarsi delle sedute del Consiglio Comunale, sono ancora tante le interpellanze e le mozioni che attendono di essere discusse in Aula, vanificando, in alcuni casi, l’attualità delle stesse”.

“In cima alle criticità di questa Consiliatura vedo una grave carenza di democrazia. Sindaco e assessori – spiega Miriam Picciau  lavorano nel chiuso delle loro stanze, prendono decisioni che non sono state mai precedute dal confronto e dal dibattito con la minoranza nè in Commissione nè in Consiglio.

Le Commissioni e le sedute di Consiglio non hanno un programma di lavori costante e regolare e le riunioni vengono convocate solo quando c’è necessità di una ratifica dei provvedimenti del Sindaco e/o della Giunta. In Consiglio il tempo destinato alle Interrogazioni urgenti, alle Interpellanze e alle Mozioni è sempre gravemente insufficiente”.  Viene chiesta quindi la possibilità di valutare “che le medesime vengano discusse congiuntamente in un’apposita seduta del Consiglio Comunale, al fine di poterle esitare in tempi ragionevoli e contestualizzati”.

L'articolo Consiglieri in rivolta a Monserrato: “Grave carenza di democrazia” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.