“I problemi di vita nel centro storico si aggravano ma il Sindaco si ostina a rifiutare  il confronto coi Comitati di quartiere”. Ancora parole di fuoco dai comitati di quartiere nei confronti del sindaco Paolo Truzzu, 73esimo in Italia nel gradimento popolare secondo il Sole 24 Ore: “Sono trascorsi due mesi rispetto al 9 maggio 2022 quando i Comitati di quartiere di Marina e Stampace inoltrarono  al Sindaco di Cagliari una “richiesta d’incontro urgente sui temi della salute e della sicurezza”- si legge in una nota congiunta dei comitati di Marina, Stampace e Castello- paventando un ulteriore aggravamento con l’arrivo dell’estate delle sofferenze a cui sono sottoposti i residenti del centro storico. La richiesta, reiterata successivamente, è rimasta senza uno straccio di risposta. Il Sindaco non dialoga, non si confronta, non si apre alla luce delle idee e delle proposte che in tante occasioni i residenti hanno pubblicamente avanzato per la città. In questo atteggiamento di chiusura e di rifiuto sono sicuramente da ricercarsi tante delle ragioni che vedono il Sindaco di Cagliari tra i sindaci meno amati d’Italia. Abbiamo sperato tanto agli inizi del mandato che il Sindaco Truzzu desse un segnale di radicale cambiamento nei rapporti con i cittadini riuniti in Comitati. Col passare dei mesi la delusione è andata in crescendo: nulla è cambiato rispetto all’atteggiamento di chiusura e di assoluta indisponibilità a un dialogo costruttivo messo in campo da chi l’aveva preceduto nel Palazzo di via Roma. E’ il caso di ricordare al Sindaco di Cagliari che la democrazia vive nella pienezza dei suoi valori costitutivi solo con la partecipazione e il coinvolgimento dei cittadini, secondo un percorso da noi invocato ma tenacemente disatteso, almeno sino ad oggi, dal Sindaco Truzzu. Non possono essere messi da parte con leggerezza  temi quali:

– la tutela della salute gravemente minacciata dall’inquinamento acustico ambientale (da troppi anni Marina e Stampace vivono in criticità acustica e in emergenza sanitaria come certificato dall’ARPAS e dalla stessa ditta incaricata dal Comune per redigere il Piano di Risanamento Acustico scomparso negli uffici del Comune);

– la sicurezza per chi vive chi transita nelle vie dei quartieri storici;

– l’eccessiva concentrazione di locali per la mescita di bevande alcoliche e la conseguente occupazione del suolo pubblico che rende problematico il transito dei mezzi di soccorso e degli stessi pedoni;

– la rigorosa applicazione delle norme sulla concessione del suolo pubblico per mescita e ristorazione, attività che costituisce la causa fondante dell’inquinamento acustico e dei tormenti dei residenti come certificato da tutti i rilevamenti fonometrici;

–  l’applicazione del Piano Acustico Comunale e l’approvazione del Piano di Risanamento Acustico;

– la mancanza di parcheggi per i residenti.

Vogliamo ancora confidare nella disponibilità del Sindaco Truzzu al confronto e al dialogo perché i problemi da noi portati all’attenzione si sono solo aggravati nei suoi anni di governo con la concessione sconsiderata e illegittima del suolo pubblico, con manifestazioni degradanti per il centro storico della città come quella in atto nella via Roma nei fine settimana”, concludono i comitati di quartiere-

L'articolo Comitati contro Truzzu: “Manifestazioni degradanti in via Roma e salute dei residenti minacciata” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.