Le slot virtuali sono oggi il pane quotidiano degli appassionati del gioco di azzardo. Le piattaforme di gambling sono il territorio principale sul quale si svolge l’attività ludica, che a poco a poco sta sparendo dai casinò reali. In Italia, in particolare, le concessioni per le sale vere e proprie stanno diminuendo, mentre di recente è fallito anche il famoso casinò di Campione. Ogni anno spuntano fuori nuovi bookmaker e operatori, le slot si moltiplicano e le software house vivono una concorrenza senza esclusione di colpi. Insomma, non manca davvero nulla per viziare il giocatore e farlo sentire sempre al centro dell’attenzione, tra bonus, promozioni, titoli originali e quant’altro.Com’è nato tutto questo? Le prime macchinette da gioco non erano nate con lo scopo di far ottenere guadagni economici, in quanto i premi in palio erano delle caramelle (forse non tutti sanno che questo è il motivo per il quale i simboli della frutta sono i più ricorrenti nelle slot). Le prime slot erano semplicemente meccaniche, senza componenti elettroniche. I rulli erano 5 e presentavano inizialmente un massimo di 10 simboli. Chiaramente, con l’uso massiccio dei computer dagli anni ’90 in poi le slot si sono adeguate alla tecnologia e nel giro di un paio di lustri si sono completamente rivoluzionate.

Secondo il brevetto originale, la slot elettronica doveva essere una macchina in grado di garantire probabilità di vincita superiori rispetto alle altre. I classici cabinati, dotati di pulsantiere e schermi, sono ancora presenti in alcuni locali o bar e sono direttamente collegati con l’Agenzia dei Monopoli di Stato. Le limitazioni comportate da un cabinato, però, risultano ancora più evidenti oggi: per giocare bisogna attendere il proprio turno e in ogni caso, per quanto tecnicamente consentito, non è possibile stazionare troppo a lungo davanti a una singola macchinetta. Naturalmente, anche le piattaforme di gioco online hanno a cuore le problematiche della ludopatia e le combattono sin dal momento della registrazione di un utente al portale di un operatore. Tuttavia, la libertà di cui gode un giocatore su internet è palesemente incomparabile rispetto a quella dal vivo, fosse anche solo per gli orari in cui si preferirebbe giocare.

Un altro aspetto da non sottovalutare risiede nelle “demo”, che permettono ai giocatori di provare i giochi senza puntare soldi veri. Era solo questione di tempo prima che il gradimento dell’utenza andasse verso la rete e le slot machine online giocabili su internet. I giochi vengono aggiornati senza soluzione di continuità e i titoli più importanti non mancano mai. Oggi modificare e aggiornare una slot è semplicissimo. Il giocatore lo sa e di conseguenza non rischierà mai di annoiarsi, considerando non solo la larga forbice di scelta, ma anche l’imminente arrivo di qualche novità o variante di slot già conosciute.

Si tratta di un meccanismo ampiamente collaudato sul mercato, che da anni non tradisce. Quasi tutti i giocatori d’azzardo operano oggi sul web e per loro il casinò online viene visto come l’ultima frontiera, in attesa che la VR si faccia strada in questo settore dando inizio a una nuova era del gambling. L’Italia, uno dei Paesi europei più dediti al gioco d’azzardo, non aspetta altro.

L'articolo Come la tecnologia ha influenzato l’evoluzione delle slot machine proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.