Almeno un albero di Piazza Galba a Monserrato verrà salvato. Dopo l’incontro avvenuto questo pomeriggio tra il sindaco Tomaso Locci e una delegazione degli abitanti del quartiere, massimo impegno da parte del primo cittadino per accogliere le richieste della parte della popolazione che è scesa in piazza e si è recata anche al Comune in difesa degli alberi.

“Una relazione da parte dell’agronomo, avvenuta tra l’altro durante il periodo in cui vi era il Commissario, sottolinea come questi tre alberi abbiano dei problemi – spiega il sindaco – almeno uno dei due rimasti, però lo salveremo”. Piante purtroppo che non godono di ottima salute, secondo l’esperto, che comprometterebbero la pavimentazione con le loro radici e causerebbero altri disagi con gli insetti. “È assolutamente il mio obiettivo ascoltare la cittadinanza e accogliere le loro esigenze. Nessuno di noi vorrebbe intraprendere l’abbattimento di queste piante. Purtroppo sono malate, ma verrà fatto di tutto per salvarle”.

Un sospiro di sollievo, quindi, grazie all’intervento del primo cittadino per gli abitanti che hanno evidenziato il problema questa mattina, quando il primo spaccasassi è stato abbattuto. La Piazza Galba è in fase di riqualificazione dopo 25 anni in cui nessun intervento è stato effettuato: un importante progetto prevede il collocamento di altre 14 piante, il doppio di quelle che vi erano e che sono state sradicate perché malate. “Gli interventi nelle zone periferiche della città sono stati una promessa che sto rispettando” e piazza Galba è solo uno di questi.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.