Travolto e ucciso da un motociclista pirata che si è costituito poco dopo. Daniele Ulver, è questo il nome del bimbo di 15 mesi morto oggi in via Cadello a Cagliari. Il padre Stanislav è un Vigile del fuoco nato in Russia. Il bimbo era a bordo del passeggino guidato dalla mamma Ilaria Ennas, 31enne di Quartu. Stavano per raggiungere il parco di Monte Claro quando il motociclista, stando a quanto trapela, dopo aver sorpassato un’auto col suo T-Max, ha centrato il passeggino. L’impatto è stato fortissimo e per il piccolo non c’è stato nulla da fare, nonostante l’arrivo dei soccorsi del 118.

 

 

L’investitore, Emilio Pozzolo, un 35enne residente a Cagliari, dopo l’incidente si è dato alla fuga e solo dopo si è costituito nella caserma della polizia Locale: è accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso. Sul posto sono arrivati i parenti della donna, sconvolti. In via Cadello anche il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu, che ha espresso le condoglianze ai parenti e ha dichiarato: “Dobbiamo fare tutto quelle che serve per la sicurezza stradale. Da tempo stiamo lavorando per rendere la viabilità sicura, purtroppo per gli attraversamenti pedonali rialzati abbiamo perso tempo perché stato un esposto in Procura”. Il corpo di Daniele Ulver è stato portato al Policlinico di Monserrato, a disposizione del medico legale.

L'articolo Choc a Cagliari e Quartu per Daniele Ulver, il bimbo ucciso da uno scooter in via Cadello proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.