Cavi d’acciaio per i cinghiali a Is Arutas: bracconiere denunciato
Sorpreso dalle pattuglie della Forestale di Oristano dopo lunghi appostamenti

 

Il materiale sequestrato dagli agenti del Corpo forestale

Diversi cavetti d’acciaio tesi fra i cespugli per catturare i cinghiali sono stati scoperti e sequestrati dal personale della Stazione Forestale di Oristano nelle campagne vicino a Is Arutas. Con l’impiego di tre pattuglie, il bracconiere è stato individuato dopo alcuni giorni di pazienti appostamenti, fin dall’alba, e denunciato all’autorità giudiziaria.

“L’attività di bracconaggio dei cinghiali con la tecnica del laccio è una delle più cruente poiché causa una lenta agonia e grandi sofferenze all’animale che, nel tentativo di liberarsi, si procura profonde ferite al collo”, spiega Tiziana Pinna, responsabile del Servizio forestale di Oristano. “Si tratta di un mezzo di cattura che spesso fa vittime anche tra altri animali, come i cani”.

“Questa operazione portata a termine con successo si inquadra nell’attività di capillare controllo del territorio, a tutela dell’ambiente e della legalità”, continua la dirigente. “Il Corpo Forestale è sempre impegnato in prima linea, con un grande impiego di risorse umane e strumentali, per contribuire ad arginare tale fenomeno”.

Chiunque volesse segnalare, anche in modo anonimo, attività di commercializzazione e di somministrazione di prodotti derivanti dalla caccia di frodo e dall’uccellagione può contattare il numero 1515.

Venerdì, 16 aprile 2021

L'articolo Cavi d’acciaio per i cinghiali a Is Arutas: bracconiere denunciato sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.