Carrozziere raggiunto da un colpo di fucile nelle campagne di Arbus, si cerca il cacciatore che non lo ha soccorso.

Ieri ad Arbus i carabinieri hanno appreso da un referto del Pronto Soccorso dell’Ospedale civile “Nostra Signora di Bonaria” di San Gavino Monreale, che un cinquantottenne del luogo, carrozziere, attorno alle 8,30 precedenti in località Molinus, era stato raggiunto accidentalmente al ginocchio sinistro da un colpo di fucile da caccia. L’uomo era stato dimesso con una prognosi abbastanza contenuta con ritenzione di un pallettone poi estratto per via chirurgica. Quella mattina si era recato ad una battuta di caccia in solitaria ed evidentemente non era l’unico. È stato anche particolarmente fortunato dal momento che è stato colpito da un solo proiettile. Un colpo all’arteria femorale avrebbe potuto rivelarsi fatale. Nonostante le urla, l’uomo non è stato soccorso e ora i carabinieri lavorano all’identificazione del cacciatore che dopo aver fatto il danno non si è voluto prendere le proprie responsabilità. 

L'articolo Carrozziere raggiunto da un colpo di fucile nelle campagne di Arbus, si cerca il cacciatore che non lo ha soccorso proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.