Botta e risposta a Monserrato tra la consigliera di minoranza Miriam Picciau e il sindaco Tomaso Locci. Durante il consiglio comunale che ha discusso e approvato il Bilancio, Miriam Picciau ha paragonato il sindaco “a una pittura egizia”. “È la vostra festa, avete l’orgoglio di aver scritto il bilancio. Contemporaneamente – spiega Picciau nella dichiarazione di voto – ho visto la prosecuzione di una partita mai chiusa ed è come se lei, signor sindaco, fosse una pittura egizia. Sta andando avanti ma il viso è dietro che guarda alle persone che hanno fatto parte della maggioranza della precedente consiliatura che non è andata bene”.Non ha esitato a rispondere il sindaco Locci: “Io capisco la consigliera Miriam Picciau, non ha vissuto le vicende che hanno visto questa amministrazione in quanto faceva altro. Psicanalizzare le persone è un suo mestiere però qui stiamo facendo altro: stiamo facendo politica e la psicoanalisi dei comportamenti va bene ma sino a un certo punto, perché bisogna assumersi le responsabilità politiche. Lo sguardo indietro e’ fondamentale per non ricadere negli errori che sono stati fatti, quindi lo sguardo dietro è fondamentale e io non posso non guardarmi indietro e guardare avanti. Io mi guarderò sempre indietro per non sbagliare e per fare bene il davanti”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.