Otto miliardi come aiuto contro il caro bollette, ma solo per bassi redditi e imprese, l’impegno ad aumentare la produzione di gas nazionale e la semplificazione delle procedure per l’installazione di impianti di energia rinnovabile. E poi aiuti all’industria automobilistica, con un fondo da un miliardo all’anno, e un contributo ulteriore di 400 milioni di euro per il 2002 in favore di Regioni e Province autonome per le spese straordinarie sostenute, dunque anche alla Sardegna. Per garantire la continuità dei servizi erogati è riconosciuto agli enti locali un contributo straordinario: 200 milioni di euro in favore dei comuni e  50 milioni di euro in favore delle città metropolitane e delle province.

Le decisioni arrivano dal consiglio del ministri, finito nel tardo pomeriggio e  seguito come ormai prassi dalla conferenza stampa di Draghi, questa volta  con i ministri del Bilancio Franco, della Transizione Ecologica Cingolani e dello Sviluppo Economico Giorgetti.

“Il governo vuole intervenire fin da ora per evitare che il rincaro dell’energia si traduca in un minor potere di acquisto delle famiglie e in una minore competitività delle imprese”, ha detto Draghi. “Ampliamo le misure sulle bollette e interveniamo in modo strutturale sulla produzione del gas italiano e per semplificare l’istallazione di impianti di energia rinnovabile. L’obiettivo è rilanciare una crescita equa e sostenibile e affrontare il mercato del lavoro”, combattendo la “precarietà”, ha sottolineato Draghi.

A preoccupare Draghi, però, c’è la situazione internazionale, in particolare la crisi in Ucraina: “Siamo ancora in un rallentamento della crescita in Europa, secondo le previsioni, riprenderà spedita dal secondo trimestre di questo anno, bisogna essere cauti perché i rischi geopolitici potranno incidere sulla crescita”.

L'articolo Caro bollette, 8 miliardi per bassi redditi e imprese. Più soldi per la Sardegna proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.