Pula è un paese che vive soprattutto di commercio oltre che di turismo, come vive questo periodo in cui la Sardegna, in zona arancione, è costretta a forti limitazioni? La sindaca Carla Medau ai microfoni di Radio Casteddu: “La viviamo sicuramente come un’ingiustizia, come un peso molto difficile da sopportare che ripartiamo in modo equo tra tutti i colleghi della Sardegna, sento una grande preoccupazione, il morale è sotto i piedi perché questa chiusura così improvvisa ha veramente spiazzato moltissimo i commercianti. Gli operatori avevano già effettuato i loro acquisti e tutte quelle attività di preparazione per il fine settimana, è stata una doccia fredda”.C’è attesa per la decisione del Tar, Pula deve progettare adesso la prossima stagione turistica: con quali certezze potete farlo? ” Stiamo ragionando dall’oggi al domani, tra stasera o domani si pronuncerà  il TAR e se ci consentisse di collocarci in zona gialla sarebbe già un ottimo risultato, perché veramente i cittadini e gli operatori  economici sono appesi a questa decisione; anche solo anticipare di qualche giorno il rientro nella zona gialla sarebbe un grandissimo passo avanti.Per le prospettive, viviamo nelle incertezze ma non smettiamo certo di programmare perché è fondamentale.Intanto speriamo che con il nuovo ciclo di vaccini si possa iniziare a stabilizzare una situazione molto fluttuante.Ho incontrato diversi operatori del settore ricettivo e l’umore non è dei migliori: alcuni hanno avuto delle disdette con dei gruppi che già per Pasqua visitano la nostra zona”.C’è speranza che almeno quest’anno Sant’Efisio si possa svolgere e possano arrivare anche i turisti?“Si spera per quella data di essere già a buon punto perché sarebbe un iniezione di fiducia, di serenità per tutti i cittadini sardi ma anche la possibilità di accogliere nuovi turisti. Non dimentichiamoci che grazie al clima e alla capacità delle strutture ricettive di organizzarsi noi apriamo i battenti da fine marzo-primi di aprile, quindi significa trovarsi preparati per la Pasqua che apre la stagione turistica e poi per il nostro Sant’Efisio, che spero possa essere celebrato con la partecipazione più ampia di tutti i cittadini, perché è un momento davvero molto emozionante, molto toccante.Non vorrei che dovessimo farne a meno per il secondo anno consecutivo”.Risentite qui l’intervista a Carla Medau del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/263161625165461/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.