Carenza di sangue a Oristano. “Chi può vada a donare”
L’appello dell’Avis

Il periodo estivo è sempre quello più critico per il centro trasfusionale dell’ospedale San Martino e le scorte di sangue continuano a ridursi a scapito dei tanti talassemici presenti nel territorio.

Quest’anno a bloccare i donatori, oltre alle ferie estive, forse c’è anche la paura e l’incertezza di recarsi in ospedale ma dall’Avis oristanese rassicurano confermando che il centro trasfusionale è sicuro e che tutte le misure di sicurezza anti-Covid ancora in vigore vengono rispettate.

Franco Tola (Foto Antonio Pitzalis)

“I talassemici e le persone che necessitano delle donazioni non vanno in vacanza”, spiega Franco Tola dell’Avis oristanese. “Hanno bisogno delle donazioni per poter andare avanti. Non abbiate paura di recarvi in ospedale”. L’invito dunque è sempre quello: “Chi può vada a donare”.

Possono donare tutte le persone tra i 18 e 65 anni, compresi i fabici e i portatori sani di anemia mediterranea, che pesino almeno 50 chili e siano in buono stato di salute (non devono aver assunto farmaci di recente o avere terapie in corso).

Mercoledì, 5 agosto 2020

L'articolo Carenza di sangue a Oristano. “Chi può vada a donare” sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.