“Ancora una volta le scelte del Ministero della Giustizia confermano l’idea di una Sardegna isola –carcere per detenuti mafiosi e criminalità organizzata”. Lo afferma in una dichiarazione Maria Grazia Caligaris di “Socialismo Diritti Riforme”, avendo appreso dell’istituzione nel carcere nuorese di Badu ‘e Carros di una sezione destinata ai detenuti in regime di massima sicurezza (41bis).“In questi anni – osserva – abbiamo assistito a una desertificazione delle Case di Reclusione all’aperto (Colonie Penali) e a una crescita esponenziale di detenuti di spessore criminale. Non è bastato istituire il 41bis a Sassari (92 posti ) e a Cagliari-Uta (altrettanti non appena si concluderanno i lavori), si è pensato bene di realizzare una sezione “speciale” anche a Nuoro, nella ex sezione femminile ristrutturata. Il risultato è inequivocabile anche perché nel frattempo sono cresciuti i detenuti dell’Alta Sicurezza avendo realizzato le nuove carceri di Oristano-Massama e Tempio Pausania. Senza dimenticare che anche a Cagliari-Uta ci sono una trentina di AS”.“Il problema non è la sicurezza dei cittadini o i pericoli di infiltrazioni mafiose, che può essere gestito, quanto la fisionomia di un’isola che mentre si propone al mondo come meta naturalistica e culturale delle vacanze valorizzando archeologia, storia e lingua si ritrova – conclude l’esponente di SDR – a essere classificata come la terra del regime 41bis. Su questo dovrebbero intervenire le massime autorità regionali e i Parlamentari del tutto esclusi da queste scelte”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.