Tragedie sventate nel carcere di Bancali, a Sassari. Negli ultimi giorni gli agenti della Polizia penitenziaria hanno sventato due tentativi di suicidio, salvando la vita a due reclusi che hanno cercato di impiccarsi durante i cambi di turno delle guardie.
    Ieri invece gli agenti sono stati costretti a una giornata di super lavoro.

Come denucia il segretario regionale del sindacato autonomo Polgiust, Elia Falchi, in mattinata i poliziotti, durante i controlli quotidiani che effettuano nelle celle, hanno scoperto che due detenuti nascondevano il telefono cellulare nella cavità rettale.

Sempre nella stessa cella, uno degli occupanti ha appiccato il fuoco e si è barricato all'interno.
    Gli agenti dopo essere riusciti a entrare hanno messo in salvo il detenuto e domato le fiamme.
    "Oramai sono anni che il carcere di Bancali è privo di un comandante e un direttore titolari.

Ci facciamo per l'ennesima volta portatori del disagio che vivono quotidianamente i poliziotti penitenziari e chiediamo a gran voce che il Dap si attivi affinché la struttura sassarese abbia figure al comando in modo stabile e definito e non solo a tempo", afferma il segretario nazionale Polgiust, Roberto Melis.   

 

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.