Nel seminterrato aveva realizzato una piccola serra con 80 piante

QUARTU. I colleghi dell’Arma lo sospettavano da tempo di avere a che fare con le sostanze stupefacenti e alla fine – a loro dire – “è stata fatta pulizia interna”. Un 57enne brigadiere in congedo è stato arrestato stamattina all’alba dai carabinieri di Quartu. Nel seminterrato di casa i militari hanno rinvenuto una piccola serra di marijuana con tanto d’impianto d’irrigazione automatico e lampade alogene per alimentare la fotosintesi clorofilliana, in tutto 80 piantine più 300 grammi di infiorescenze essiccate, il tutto verosimilmente non per uso personale. La perquisizione domiciliare ha sortito gli effetti ipotizzati e all’ex brigadiere non è stato fatto nessuno sconto, arrestato per coltivazione ai fini di spaccio di stupefacenti. Nella stessa mattinata di oggi comparirà davanti al giudice per l’udienza di convalida. Le dicerie che avevano alimentato l’attenzione degli ormai ex colleghi, avevano quindi un fondamento e questo è accertato. L’uomo era andato in congedo anticipato a gennaio per “riforma” e viveva a Quartu. Per molti anni aveva militato nel Nucleo Operativo Ecologico dei carabinieri di Cagliari. Indipendentemente dall’andamento del procedimento penale a suo carico, è molto probabile che venga in breve tempo espulso dall’Arma, sezione carabinieri in congedo. (luciano onnis)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.