Decine di passeggeri della nave della Grimaldi diretta a Olbia, ieri sera, non sono stati fatti imbarcare. La partenza era prevista poco dopo le 22 e, alla nostra redazione, è arrivata anche la segnalazione di una donna, con tanto di video a contorno: “Buongiorno, volevo comunicare che ieri sera la Grimaldi Lines ha lasciato a terra diversi passeggeri che dovevano imbarcare da Livorno per Olbia senza nessuna giustificazione. Sono state chiamate le forze dell’ordine, finanza, carabinieri, polizia e un referente della Grimaldi. Tutte queste persone hanno dormito al porto o si sono dovute pagare un albergo a Livorno e hanno preteso di essere imbarcare col cambio biglietto gratuito nel tragitto diurno”. Nel filmato la tensione è alle stelle, una ragazza che filma con il cellulare grida tutta la sua disperazione: “Come dobbiamo fare? Io ho un esame all’Universitá, devo tornare. Ho pagato 178 euro”.Ma, stando a quanto trapela, i passeggeri non imbarcati sarebbero arrivati in ritardo e senza aver validato il qr code di Sardegna Sicura. La Grimaldi sta svolgendo tutte le indagini del caso per capire cosa sia successo ieri sera al porto toscano, sarebbero almeno 15 le pratiche visionate. Ognuna può contenere o un solo nome o più nomi di passeggeri. 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.