Cani avvelenati: triste primato nazionale per la Sardegna
Solo la Sicilia fa peggio. I dati dell’Aida denunciano una situazione allarmante, in particolare per gli animali randagi

Cani

Sicilia e Sardegna sono le regioni italiane con il maggior numero di avvelenamenti di cani nel 2020. In Italia i numeri sono preoccupanti: nell’ultimo anno sono stati avvelenati quasi 33.000 esemplari, uno ogni 16 minuti. I dati sono stati diffusi dall’Aida, l’Associazione italiana difesa animali ed ambiente – Italiambiente.

La mortalità a seguito dell’ingestione del veleno è del 5%. La maggior parte (80%) sono randagi, solo un quinto dei cani avvelenati sono animali di proprietà.

Escludendo dal calcolo i cani randagi, le regioni in cui in cui si sono registrati più avvelenamenti di animali di proprietà sono state Piemonte, Sicilia e Abruzzo. Sono oltre 2.000 i cani avvelenati appartenenti a cacciatori.

Dei 33.000 avvelenamenti dell’ultimo anno sono stati individuati appena 32 responsabili. Non è però stato trovato alcun responsabile per avvelenamenti di cani randagi.

Lunedì, 11 gennaio 2021

L'articolo Cani avvelenati: triste primato nazionale per la Sardegna sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.