Il piccolo è stato portato a Roma e trasferito al Bambino Gesù

CAGLIARI. Un secondo viaggio della salvezza nell’arco di poche ore della giornata di ieri 8 gennaio da parte dell’Aeronautica militare per il trasporto urgente da Cagliari a Roma di un neonato di soli venti giorni in imminente pericolo di vita. Il volo salva-vita, richiesto dalla Prefettura di Cagliari, è stato immediatamente disposto e coordinato dalla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell'Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti anche quello di attivare e gestire i trasporti sanitari urgenti, attraverso i velivoli che la Forza Armata tiene pronti, 24 ore su 24, per questo genere di necessità. Il Falcon 50, decollato dall'Aeroporto militare di Ciampino, è atterrato a Cagliari dove è stato immediatamente effettuato l'imbarco del piccolo paziente all'interno di una apposita culla termica, di un’équipe medica e di due familiari. Il velivolo è ripartito poi alla volta di Ciampino, dove è atterrato intorno alle 23. Dallo scalo romano, il neonato è stato trasferito in ambulanza presso l'Ospedale pediatrico Bambino Gesù. Poche ore prima un altro neonato ugualmente di 20 giorni, con ustioni e positivo al Covid 19, era stato trasferito da Cagliari-Elmas a Ciampino su una ambulanza speciale imbarcata ad Elmas su un C130J. Anche in questo caso il piccolo paziente è stato portato al “Bambin Gesù”. (l.on)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.