Una città spenta, più del solito, la sera. Cagliari, dalle venti, va in autolockdown: effetto Covid, ogni giorno migliaia di contagi e morti sembrano aver spinto la maggior parte dei cagliaritani a restarsene blindati in casa. E l’effetto si vede: alle 21:30 di un mercoledì sera di fine gennaio, da piazza Garibaldi a piazza Yenne, tagliando per la Marina, il capoluogo è avvolto dal silenzio. Un rider sfreccia nella via Garibaldi deserta, un suo collega fa lo stesso pochi minuti dopo in una via Sardegna dove sono più i ristoranti chiusi che quelli aperti. E chi ha deciso di tenere tirata su la serranda non fa certo buoni affari: tavoli interni più vuoti che pieni, i clienti sono soprattutto coppiette e mini gruppi di amici. Via Barcellona, via Napoli, via Concezione, via Cavour: la musica non cambia. In piazza Yenne resistono i locali, ma spritz e prosecco non vengono più smerciati come un tempo. 

 

Effetto Omicron, effetto contagi, insomma effetto Covid. Che è ancora più forte del green pass e del super green pass. Lo scoglio della paura di ritrovarsi positivi dopo una serata in un locale o in un ristorante c’è ancora. E, psicologicamente, pesa il passaggio dell’Isola in zona gialla. Città trasformata in deserto, è così da lunedì a venerdì, e nei fine settimana non c’è più quella “pazza” movida dell’autunno 2021. L’economia, i titolari di locali e i ristoratori non ringraziano.

L'articolo Cagliari va in autolockdown, il Covid fa paura: strade deserte e tanti ristoranti chiusi proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.