I tre sono stati denunciati

CAGLIARI. In un locale di via Badas di fronte all’ex istituo scolastico “Attilio Badas” in fase di ristrutturazione, c’era il covo di tre presunti ladri seriali e deposito della refurtiva trafugata in numerosi colpi. Protagonisti una donna cagliaritana di 57 anni e due suoi amici conviventi e complici algerini, di 31 e 38 anni. Sono stati denunciati in stato di libertà dai carabinieri per i reati di ricettazione in concorso e furto di energia elettrica. I militari dell’Arma sono intervenuti ieri sera nel locale occupato abusivamente dai tre, trovando 3 telefoni cellulari, 14 portafogli usati sprovvisti di documenti all'interno, un motociclo Peugeot Tweet, visibilmente riverniciato di nero - che è risultato essere stato oggetto di furto il 7 gennaio scorso, di proprietà di una 46enne cagliaritana residente in via Sant'Eusebio -, 2 caschi da motociclista, numerosi utensili e attrezzi da lavoro. Durante le operazioni il trentottenne ha rifiutato di fornire le proprie generalità, ma è stato comunque identificato attraverso la banca dati delle forze di polizia. Inoltre, i tre si erano allacciati abusivamente a contatori di energia elettrica della limitrofa via Regina Margherita.(l.on)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.