Un primo lungo intervento nel reparto di Neuochirurgia, poi il trasferimento nella sala di Chirurgia d’urgenza. Sono sempre gravi le condizioni della trentasettenne postina cagliaritana, che è stata investita da un pullman della linea M del Ctm a Cagliari, in via Bacaredda. La donna si trova nuovamente sotto i ferri, e l’unica buona notizia è che non è in coma. All’ingresso in sala operatoria, infatti, era cosciente. Appena terminerà la nuova operazione, legata al grave trauma cranico e addominale che ha riportato in seguito all’impatto col bus, verrà trasferita in Rianimazione. Intanto, vanno avanti in maniera serrata le indagini della polizia Municipale, chiamata a ricostruire l’esatta dinamica e, soprattutto, la causa dell’incidente.

In quel tratto di strada, infatti, il bus può passare regolarmente visto che c’è la striscia della corsia dedicata solo ai mezzi pubblici: l’impatto non è stato lieve, la 37enne è stata trascinata per diversi metri sull’asfalto. Nelle prossime ore potrebbero arrivare novità: i bus, a bordo, hanno infatti delle telecamere. Se una di quelle stava riprendendo la strada, sarà possibile capire come sia avvenuto l’incidente.

L'articolo Cagliari, sempre grave la postina 37enne investita dal bus del Ctm: nuovo intervento al Brotzu proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.